PER LO “SHOPPING-HUB-IN “ NEL CENTRO STORICO IN ALTERNATIVA AL DRIVE IN NEI CENTRI COMMERCIALI

PER LO “SHOPPING-HUB-IN “ NEL CENTRO STORICO IN ALTERNATIVA AL DRIVE IN NEI CENTRI COMMERCIALI

 

Nuove idee di marketing territoriale, per la riforma della logistica nel Centro Storico di Perugia

Caro Sindaco,

stamane ho effettuato una ricognizione intorno all’ ex Mercato Coperto e capolinea minimetrò del Pincetto, per “riapprezzare”, in termini ancora più concreti ed operativi, rispetto alla mia precedente e mail, il tema: “ Minimetrò e Mercato Coperto in un’ottica complessiva di mobilità alternativa passeggeri/merci”. Cosicché ti vengo a presentare la seguente sequenza di concetti e foto, per analisi di fattibilità logistica:

  • Pian di Massiano / Percorso del Minimetrò/ Pincetto/Mercato Coperto : due caposaldi / piattaforme della linea ettometrica ed  intermodale, merci e passeggeri, in un’ottica di hub aeroportuale. E’ una interessante composizione strutturale di logistica sotto utilizzata e sottostimata nelle sue potenzialità di diversificazione.
  • Pian di Massiano : piattaforma merci arrivo/partenza (CEDI: Centro di distribuzione) sia per l’approvvigionamento merci dei punti di vendita dell’acropoli sia per il ritiro dei colli relativi allo shopping della clientela, ai punti di vendita nell’acropoli. E’ una grande area di parcheggio per arrivi auto; e piattaforma attrezzata per smistamento intermodale.
  • Piano terra del Mercato Coperto: piattaforma merci CEDI di arrivo/partenza tramite furgone/autocarro, su strada, per scarico e  smistamento  delle merci per l’approvvigionamento dei punti di vendita dell’acropoli e piattaforma di partenza dei colli acquistati nello shopping ; destinazione piattaforma di pian di Massiano.

  • Opzione N. 1: Percorso merci “via gomma” per l’approvvigionamento ai punti vendita dell’acropoli: da Pian di Massiano, per le vie stradali normali, fino al bivio di Via XIV Settembre e poi risalire fino alla piattaforma del piano terra del Mercato Coperto. (vedi foto in fondo pagina). Vantaggi: si fornisce il Mercato Coperto e le sue componenti commerciali, , ai vari piani, delle merci per la sua riattivazione commerciale, secondo il nuovo progetto del Comune. Si fornisce la piattaforma delle merci al piano terra che verranno smistate nei vari punti di vendita. Il fornitore, anziché effettuare nel suo giro vendita per l’acropoli, almeno una media di 5 consegne per i vari punti di vendita, ne fa una sola alla piattaforma, per tutti i suoi clienti. Le consegne diversificate avverranno a cura della gestione delle due piattaforme. Dalla piattaforma del mercato coperto partono, con carico utile, a qualsiasi ora lavorativa della giornata furgoni elettrici, molto adatti alle piccole vie del centro, che risalgono dalla piattaforma di Via Angusta, risalendo per Via Alessi, fino a Piazza Matteotti  (vedi foto) Il che potrà accadere previo piccoli accorgimenti di segnaletica stradale lungo le vie suddette.
  • Opzione N. 2: Percorso Merci “ettometrico”alternativo al precedente per gli approvvigionamenti dei punti di vendita. Vale quanto detto sopra, con la differenza che anche gli approvvigionamenti di merci ai punti di vendita dell’acropoli avvengono tramite il minimetrò. Si dovrà avere l’avvertenza di standardizzare i contenitori dei diversi colli delle consegne al dettaglio, secondo le dimensioni dei vagoni del Minimetrò, e tali da renderli compatibili, in maneggevolezza, con le scansioni delle due fermate di capolinea del minimetrò ai due capolinea.
  • Economie di scala:
  1. Il fornitore effettua un’unica consegna alla piattaforma, anziché ad ogni punto vendita dell’acropoli.
  2. Le consegne dalla piattaforma di Via Angusta ai punti di vendita dell’ acropoli sono molto più concentrate che non quelle del fornitore. In altri termini la ratio : N° Consegne/Itinerario,migliora notevolmente, con rilevanti economie di “consegna merci”.
  3. Il furgone una volta effettuate le consegne, invece che tornare alla piattaforma di Via Angusta vuoto, vi ritorna pieno di colli frutto dello shopping dei clienti nell’acropoli. Detti colli saranno inviati, tramite minimetrò alla piattaforma di Pian di Massiano.
  • Vantaggi per i punti di vendita dell’acropoli: non avranno più l’handicap del drive in. Infatti i loro clienti non dovranno caricarsi dei colli di merci acquistate, perché se li ritroveranno presso il parcheggio auto della piattaforma di Pian di Massiano. Si rileva vincente il concetto di hub aereoportuale nel rapporto passeggeri/bagagli.
  • Vincoli di fattibilità: la realizzazione di tapis roulant, in entrata ed uscita, che portino le merci, opportunamente condizionate in modalità standard, dai vagoni in arrivo ai due capolinea, ai punti di carico e scarico delle due piattaforme.
  • Efficacia della nuova mobilità: anziché vedere mezzi di trasporto, i più assurdi, come dimensioni e capacità di inquinamento, aggirarsi per vie e viuzze dell’acropoli , con grandi difficoltà di manovra, sarà possibile rendere più vivibile tutta l’area e renderne più efficiente la mobilità complessiva delle persone e delle merci.
  • Punti di debolezza della riforma: la mobilità dei servizi per i lavori di manutenzione strutturale, ordinaria e straordinaria, di beni immobili e strumentali dell’acropoli rimarrà con la dinamica odierna Tuttavia questo “minus” potrà essere compensato dalla maggiore fluidità di esecuzione dei servizi, data la più larga disponibilità di spazi lasciata dagli autocarri e furgoni delle consegne delle merci. Il che è un bel risultato se vediamo la situazione odierna, come dimostrano le foto a corredo di questa sintetico documento.

 

Sequenza foto dell’itinerario merci come da punto 3.

La merce arriva, a mezzo autocarro/furgone alla piattaforma:  piano terra/ mercato coperto.

La merce viene scaricata nella piattaforma del piano terra del Mercato Coperto e da lì, dopo la registrazione, riparte, dopo  essere stata caricata sui furgoni elettrici, dimensionati alle vie dell’acropoli e del centro storico, per essere consegnata ai punti di vendita. L’itinerario è: via Angusta. e poi a salire Via

Alessi, fino a piazza Matteotti e vie limitrofe. Gli stessi furgoni poi rientreranno nella piattaforma, per Via XIV Settembre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link di città dove avvengono processi simili di logistica: https://www.smau.it/casi-di-successo/mobilita-sostenibile-a-siena-la-prossima-sfida-e-il-trasporto-merci; Da pag. 27 a pag. 36 del libro “La distribuzione delle merci in città” di Patrizia Malgeri; Giuseppe Galli-Quaderno Rt N. 3. (PDF Protetto).

Perugia, 20/02/2020

Rino Fruttini

Esperto Emerito di Economia e Finanza del MEF

Lascia un commento